Andrea Jonasson

Formazione

Figlia d'arte (sangue svedese e tedesco), si iscrive giovanissima alla Scuola d'arte drammatica di Monaco e si forma con il grande Gustav Gründgens, dominatore assoluto, al di là della compromissione con i nazisti, della scena tedesca e grande interprete del Faust di Goethe. 



Lingue

Tedesco - Italiano - Inglese

Teatro

Dopo l'apprendistato ad Amburgo e la morte di questi, passa nei maggiori teatri della Germania, da Heidelberg a Düsseldorf, a Monaco, quindi a Zurigo e Vienna, sempre ricoprendo grandi ruoli, da Giulietta alla Margherita del Faust , da Santa Giovanna dei macelli (1968) ai personaggi di Dürrenmatt, O'Neill, Pirandello (la Figliastra nei Sei personaggi ), a Masa delle Tre sorelle al Thalia Theater di Amburgo (1972), dove Strehler la vede e le offre di essere la regina Margherita per l'estate successiva a Salisburgo nel suo Gioco dei potenti , grande féerie in due giornate tratta dalla trilogia di Enrico VI di Shakespeare. L'incontro è decisivo per entrambi e, dopo la ripresa al Burgtheater di Vienna (1974), J. segue Strehler a Milano; per un po' si divide fra Italia e Germania e nel 1977, allo Schauspielhaus di Amburgo, frutto della intensa collaborazione con il regista è il nuovo allestimento dell' Animabuona di Sezuan , con Kurt Beck (Wang) e Heinrich Giskes (Yang Sun), dove J. affronta le due immagini opposte di Shen Te e Shui Ta con grande duttilità istrionica, calandosi con dolorosa dolcezza nella prima e con durezza feroce nel secondo: premessa alla totale affermazione in Italia dell'edizione del Piccolo nel 1981, anno del matrimonio con il regista triestino. Quindi i successi della Minna von Barnhelm di Lessing, del Come tu mivuoi , dove J. ha dato del personaggio dell'Ignota una figurazione indelebile, dell' Arlecchino (e qui il personaggio di Beatrice, sulla scorta del lavoro su Shen Te / Shui Ta, si è finalmente arricchito dell'ambiguità suggerita da Goldoni); dopo i ruoli di Elena ( Faustparte II ) ed Ellida ( La donna del mare ) è iniziata una collaborazione con il Teatro stabile di Genova e con Marco Sciaccaluga, che l'ha diretta in Suzanne Adler della Duras, Un mese in campagna di Turgenev e Le false confidenze di Marivaux, mentre il lavoro al Burgtheater prosegue con testi di Stoppard, Schiller e Musil. 



Cinema

2014: "Vecchi Pazzi" - Regia di Sabine Boss
2002: “Casomai” – Regia di Alessandro D’Alatri
1999: “Ehre der Strizzis, Die” - Regia di Peter Weck
1989: “Spinnennetz, Das” – Regia di Bernhard Wicky
1983: “Letzte Runde, Die” – Regia di Peter Patzak  
1966: “Schonzeit für Füchse” – Regia di Peter Schamoni



Televisione

2005-2007: “Fürst und das Mädchen, Der” 11 – episodi – Regia di Axel De Roche  
2005: “Barbara Wood – Das Haus der Harmonie” – Regia di Marco Serafini  
2004: “Inga Lindström” – Regia di Karoola Meeder
2004: “Elefant – Mord verjährt nie, Der” – Regia di Andreas Prochaska
2003: “Chiaroscuro” – Regia di Tomaso Sherman
2002: “Il lato oscuro” – Regia di Gianpaolo Tescari -   
2002: “Seitenblicke” – Regia di Liesbeth Bischoff
2001: “Polizeiruf 110” – Regia di Bodo Fürneisen
1998: “Avvocati” – Regia di Giorgio Ferrara
1997: “Ultimo bersaglio” – Regia di Andrea Frezza
1996: “Rosa Roth” – Regia di Carlo Rola
1996: “Todas – Am Rande des Paradieses” – Regia di Clemens Kuby Narratrice  
1997 (1977): “Tatort” – 2 episodi – Regia di Wolfgang Staudte – Ulrich Stark  
1993: “Babylon Komplott, Das” – Regia di Peter Patzak  
1990: “Mademoiselle Ardel” – Regia di Michael Braun  
1987: “Alte, Der” – Regia di Günter Gräwert  
1986: “Morda am Pool” – Regia di Gerhard Klingenberg  
1980: “Am Südhang” – Regia di Michael Verhoeven  
1979: “Komplott, Das” - Regia di Dieter Wedel  
1977: “Doktors Dilemma, Des” – Regia di Rolf von Sydow
1976: “Lobster” – Regia di Hans W. Geissendörfer
1973: “Ordine Interpol: senza un attimo di tregua” – Regia di Alfred Vohrer
1972: “Sonderdezernat K1” – Regia di Alfred Weidenmann
1971: “HeiBer Sand” – Regia di Günter Gräwert
1971: “Iwanow” – Regia di Oswald Döpke  
1971: “F.M.D. – Psychogramm eines Spielers” – Regia di Georg Tressler  
1970: “Trauer muss Elektra tragen” – Regia di Peter Beauvais
1968: “Tragödie auf der Jagd” – Regia di Gerhard Klingenberg
1966: “Baumeister Solness” – Regia di Hans Schweikart  
1966: “Fluchtversuch” – Regia di Teo Mezger
1965: “Antigone” – Regia di Franz Peter Wirth  
1964: “König Richard III” – Regia di Fritz Umgelter  
1963: “Wassa Schelesnowa” – Regia di Egon Monk


Copyrights © 2017 & All Rights Reserved.

Associato L.A.R.A.
Go to Top